Cambiare Dominio? Ecco le giuste procedure da seguire per non perdere Ranking e Utenti

Tempo di lettura - 3 minuti

A volte capita  di dover cambiare il proprio dominio, magari ottimamente posizionato e visitato, e spostare il proprio sito su un nuovo nome a dominio, e questa procedura non è mai facile nè indolore, (ho avuto delle brutte esperienze anche io), e per questo ho letto con curiosità sul blog ufficiale di Google quali procedure fare per evitare grane nel cambio di dominio.

Qui vi riporto quelle che secondo me sono le più importanti, sperando che possano essere di aiuto:

  • Sposta prima una sola cartella o un sottodominio per vedere se il redirect funziona bene, se tutto funziona procedi con il redirect 301 dell’intero sito e da questo momento indicherai a Google e agli altri motori di ricerca che il vecchio dominio non esiste più, e che al suo posto vi è il nuovo sito;
  • Non fare il redirect di tutte le vecchie pagine alla sola Home Page del nuovo sito, questo sicuramente ti eviterà l’errore 404 ma creerà confusione nei tuoi visitatori.
    La procedura ottimale è quella di fare un redirect one-one, cioè da ogni vecchia pagina fare il 301 alla corrispondente nuova pagina, e se nel nuovo sito non è presente la pagina reindirizzare gli utenti ad una pagina con contenuto simile.
    Questo per evitare che un utente che troverà il tuo indirizzo sui motori di ricerca (prima che questi prendano le nuove pagine cancellando le vecchie, e questo può durare alcuni mesi) , sui blog, sui social media, su altri siti cliccando, convinto di trovare un contenuto per lui interessante, si ritrovi senza volerlo su una pagina diversa, che nel migliore dei casi gli farà pensare di aver sbagliato sito e che nel peggiore lo irriterà , facendolo in entrambi i casi spostare su altri siti più attinenti.
  • Controlla tutti i link interni e esterni al sito, qui sarebbe ottimale contattare tutti i siti che hanno il link verso il tuo sito, e chiedere loro di cambiare col nuovo URL, se questo non è fattibile essere almeno sicuri che tutte le vecchie pagine linkate, abbiano il redirect 301 alle nuove.
    Controllare ovviamente tutti i link interni per essere sicuri che non ci siano ancora link verso pagine del vecchio dominio, (questo può essere indispensabile nel caso si siano usati url assoluti e non relativi).
  • Aggiungi il nuovo sito su Google Webmasters Tools, creando anche la nuova Sitemap, in questo modo segnalerai a Google la presenza del nuovo sito e di tutti i suoi contenuti.
  • Infine per un ulteriore controllo, analizza su Google Webmasters Tools del vecchio e nuovo sito che tutto proceda a dovere.

Avete ulteriori suggerimenti?

Hai trovato questo contenuto utile?
TAGS:
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tags:

L'autore

ti è piaciuto questo articolo?

Leggine un altro sullo stesso argomento

oppure scegline uno dello stesso autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di professionisti capaci di far crescere il tuo business online?

Entra in relazione con noi.

Oppure scarica e salva la scheda contatto di I'm Evolution