Perché il mio e-commerce non vende? 5 errori che bloccano il tuo business on-line

Tempo di lettura - 3 minuti

Indice dei Contenuti

Il catalogo prodotti è definito e ben fornito; i metodi di pagamento sono stati scelti; la gestione delle spedizioni è ben pianificata; le procedure di tracciamento degli ordini sono delineate; le politiche di reso sono chiare; il magazzino è in ordine e le disponibilità sempre aggiornate; il sito e-commerce è on-line e pronto ad accogliere visitatori e acquirenti.

Eppure qualcosa non funziona. L’e-commerce non funziona. Gli ordini stentano ad arrivare e il business a decollare.

“Cosa sto sbagliando”? “Perché il mio e-commerce non vende”?

Perlopiù, le risposte sono cinque:

  1. l’e-commerce non funziona perché i tuoi prezzi sono fuori mercato;
  2. l’e-commerce non vende perché è privo di ottimizzazione SEO;
  3. l’e-commerce non converte perché non hai curato la User Experience e l’Usabilità;
  4. il sito e-commerce non vende perché non stai perseguendo attività di marketing;
  5. non riesci a vendere on-line perché il copywriting delle schede prodotto è poco convincente.

Andiamo ad approfondire e scopriamo insieme come migliorare le vendite dell’e-commerce.

1. L’e-commerce non funziona perché i tuoi prezzi sono fuori mercato

Non avere una strategia di prezzo è uno dei principali motivi per cui un e-commerce non funziona e non vende.

Prima di ogni altra cosa, per vendere on-line è fondamentale indagare i concorrenti e come si posizionano sul mercato; individuare i trend di settore e le oscillazioni di prezzo; avere contezza dei costi da sostenere e come gestirli per non erodere il margine di profitto; conoscere in modo approfondito il target di riferimento per immettere sul mercato prodotti in linea con le sue specifiche esigenze; pianificare le attività di sconto e promozione in relazione a prodotti, periodi e percentuali.

In estrema sintesi, si tratta di creare un equilibrio perfetto tra competitività, sostenibilità finanziaria e valore del prodotto.

Il modo migliore per farlo è ricorrere a servizi di Data Intelligence, come la Business Intelligence e l’Analisi Predittiva.

Nello specifico:

  • la Business Intelligence esamina il passato per comprendere il presente. Si tratta di un’analisi retrospettiva utilissima per ottimizzare le strategie di vendita e marketing in base ai dati storici;
  • l’Analisi Predittiva mette insieme passato e presente per elaborare ipotesi di futuro attraverso l’uso di modelli statistici avanzati. Si può usare in ambito e-commerce per prevedere le future tendenze di acquisto dei clienti, anticiparne le esigenze, adottare strategie di offerte personalizzate o strutturare campagne di marketing mirate.

2. L’e-commerce non vende perché è privo di ottimizzazione SEO

L’ottimizzazione SEO per e-commerce aiuta a migliorare il posizionamento del sito web, delle categorie, dei prodotti e dei contenuti in generale nei risultati di Ricerca. Questo si traduce in maggiore visibilità e, di conseguenza, in aumento del traffico e aumento delle vendite.

Un e-commerce che vende è ottimizzato sotto tre aspetti specifici:

  • SEO on-site: riguarda l’ottimizzazione SEO delle pagine prodotto, l’architettura del sito web, l’ottimizzazione SEO delle immagini, della home page, delle categorie, delle sottocategorie, delle pagine informative e di un eventuale blog e dei suoi contenuti;
  • SEO off-site: riguarda la strategia di link building e digital PR necessaria per far guadagnare popolarità e autorevolezza al sito e-commerce (e al brand);
  • Technical SEO: riguarda le performance del sito e-commerce, ovvero la velocità, l’adattabilità e l’usabilità.

E a proposito di usabilità…

3. L’e-commerce non vende perché non hai curato Usabilità e User Experience

Sapevi che trascurare l’Usabilità e la User Experience è una delle ragioni più comuni che determinano l’abbandono del carrello e-commerce?

Proprio così: tanto più lunghi saranno il tempo di caricamento delle pagine del tuo e-commerce e il processo di check-out, tanto più alta sarà la probabilità di non generare conversioni.

Quindi:

  • verifica il tempo di caricamento dei contenuti above the fold (i contenuti nella parte superiore della pagina);
  • ottimizza il tempo di caricamento che intercorre tra la richiesta dell’utente (es. il clic) e quello in cui il browser visualizza i contenuti above the fold;
  • riduci il tempo di caricamento completo della pagina, ovvero il tempo che intercorre tra la richiesta dell’utente e quello della visualizzazione completa;
  • assicurati che tutti i contenuti dell’e-commerce siano ben visibili su tutti i dispositivi mobile e che non si verifichino sformattazioni dei pulsanti;
  • applica tutte le best practices per migliorare il check-out dell’e-commerce.

4. Il sito e-commerce non vende perché non stai perseguendo iniziative di marketing

È una delle ragioni più banali, ma anche la più comune: un e-commerce non vende perché semplicemente esiste; un e-commerce vende perché sa farsi trovare. E perché sa fidelizzare.

Ma qual è il modo per farsi trovare e fidelizzare?

Dare benzina all’e-commerce facendo ricorso a 4 potenti servizi di Digital Marketing:

  1. Content Marketing, utile e indispensabile per farsi raggiungere da potenziali clienti in target, costruire la brand reputation, aumentare la considerazione e fidelizzare;
  2. DEM e Newsletters, indispensabili per promuovere, convertire, coltivare relazioni e stimolare il recupero dei carrelli abbandonati;
  3. Blogging per e-commerce, attività di forte supporto nelle strategie SEO, può essere usato per muovere traffico al negozio on-line attraverso la creazione di contenuti informazionali;
  4. Remarketing su Google e Meta, imprescindibile per farsi ricordare da chi ha visitato il sito e-commerce ma non ha ultimato l’acquisto.

5. Non riesci a vendere on-line perché le schede prodotto sono poco convincenti

Sebbene le immagini e i video siano utilissimi per soddisfare il nostro cervello veloce e attirare l’attenzione, le tanto sottovalutate e bistrattate parole giocano un ruolo fondamentale nel processo di conversione. E per niente facile è scegliere quali usare e quali scartare.

Secondo alcuni studi di neuromarketing, troppe informazioni renderebbero gli utenti meno propensi all’acquisto (benché nelle interviste affermino il contrario).

Si chiama “Effetto TMI”: in un eccesso di informazioni, si “spegne” la decisione già presa a livello emozionale e si attiva il più lungo e intricato processo di decisione razionale, in cui la persona inizia a valutare con attenzione pro, contro e reale necessità del prodotto.

Quindi, se ancora non riesci a vendere on-line e stai lavorando bene con la SEO, la UX, il marketing e i prezzi, quello su cui devi concentrare la tua attenzione è il copywriting delle schede prodotto, che deve essere:

  • esaustivo;
  • onesto;
  • persuasivo;
  • evocativo;

Vuoi migliorare le performance del tuo e-commerce?

Entra in contatto con noi.

Articoli Recenti

Local Marketing: come promuovere un’azienda locale online

I’m Evolution ti aspetta al BTM di Bari 2024

Lead Generation B2B: cos’è, come si fa, quanto costa

Up Selling e Cross Selling: significato, esempi e differenza

Analisi dei dati e-commerce: a cosa serve, come e cosa misurare

Come pubblicizzare un sito e-commerce? Consigli e Best Practices

Hai trovato questo contenuto utile?
TAGS:
Condividi
Tags:

Scopri cosa abbiamo fatto per i nostri clienti:

L'autore

Vuoi restare informato sui prossimi articoli?

Iscriviti alla Newsletter I'm Evolution

ti è piaciuto questo articolo?

Leggine un altro sullo stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa dicono i clienti che hanno usufruito dei nostri servizi

Hai bisogno di professionisti capaci di far crescere il tuo business online?

Entra in relazione con noi.

Vuoi restare informato sui prossimi articoli?

Iscriviti alla Newsletter I'm Evolution